09/2018 CONTRIBUZIONE PERCENTUALE ENPAM SUI REDDITI LIBERO PROFESSIONALI 2017 NON SOGGETTI AD ALTRA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA

Pagamento contributi entro il 31 ottobre

 Graziella Reposi

DENUNCIA REDDITI LIBERO PROFESSIONALI

Il 31 luglio sono scaduti i termini per l’invio all’ENPAM della dichiarazione obbligatoria dei redditi libero professionali netti (Modello D) e  fino al 15 settembre, registrandosi al sito www.enpam.it, si può compilare ed inviare la dichiarazione online all’ENPAM ed inoltre chiedere la rateizzazione dei contributi.
Dal 15 settembre è possibile fare la dichiarazione esclusivamente sul modello D cartaceo inviandolo all’ENPAM per raccomandata al Servizio Contributi ed Attività Ispettiva - CP 7216 - 00162 Roma.


E’ prevista una sanzione di € 120,00 per la presentazione oltre la data di scadenza.
L’ENPAM calcolerà in seguito il contributo da versare entro il 31 ottobre, detraendo il reddito già soggetto alla quota A.
Tutti gli iscritti che entro il 31 luglio scorso hanno inviato all’ENPAM la dichiarazione dei redditi libero professionali dell’anno 2017, riceveranno quindi comunicazione dall’Ente circa gli importi dei contributi dovuti.
La Banca Popolare di Sondrio, per conto dell’ENPAM, invierà a ciascun interessato un bollettino MAV, unitamente ad un prospetto esplicativo del calcolo effettuato dall’Ente per determinare l’importo del contributo.
LA SCADENZA PER IL PAGAMENTO IN UNICA SOLUZIONE TRAMITE BOLLETTINO MAV E' IL 31 OTTOBRE 2018
Il mancato ricevimento del bollettino MAV non esonera dall’obbligo del versamento contributivo dovuto.
Per recuperare il MAV è necessario contattare la Banca Popolare di Sondrio al seguente numero verde 800.24.84.64.
I MEDICI REGISTRATI SUL SITO DELL'ENPAM POTRANNO INVECE SCARICARE IL BOLLETTINO MAV DALLA PROPRIA AREA RISERVATA.
NON RICEVERANNO IL BOLLETTINO MAV COLORO CHE HANNO SCELTO, TRAMITE LA'REA RISERVATA, L'ADDEBITO DIRETTO SUL PROPRIO C/C BANCARIO, IN UNICA SOLUZIONE, IN 2 RATE, OD IN 5 RATE (3 DI QUESTE ULTIME, DA PAGARSI NEL 2019, SONO MAGGIORATE DELL'INTERESSE LEGALE).


LE SANZIONI PER IL RITARDATO PAGAMENTO

L’attuale regime sanzionatorio, in caso di pagamento dei contributi oltre il termine regolamentare prevede:

  • una sanzione in misura fissa pari all’1% del contributo, qualora il versamento sia effettuato entro 90 giorni dalla scadenza (entro il 29 gennaio 2019);
  • qualora il versamento fosse effettuato oltre tale termine, una sanzione, in ragione d’anno, pari al Tasso Ufficiale di Riferimento (T.U.R.) maggiorato di 5,5 punti, fino ad un importo massimo pari al 70% del contributo.

Sul n. 6/2018 di alessandriamedica a pag. 11 sono riportate tutte le istruzioni sull’argomento.
Ricordo che i contributi previdenziali obbligatori dovuti al Fondo della Libera Professione - Quota B del Fondo Generale sono interamente deducibili dall’imponibile fiscale, ai sensi dell’art. 10, comma 1, lett. e), del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (DPR 22.12.1986, n. 917).
Per poter usufruire di tale beneficio all’atto della dichiarazione dei redditi ai fini Irpef è sufficiente conservare il bollettino MAV utilizzato per il versamento.
Sul MAV, difatti, è chiaramente indicata la natura del versamento effettuato (Contributo “Quota B” - Reddito 2017) e l’Istituto di credito o l’Ufficio postale deve apporre il timbro con la data dell’avvenuto pagamento.

Rammento che, ai fini della dichiarazione dei redditi 2017, in caso di smarrimento della ricevuta per la quota B pagata a ottobre 2018, sarà possibile per i medici registrati acquisire on line sul sito ENPAM tale documento.

Torna Indietro    Torna alla Home