01/2019 DOMICILIAZIONE BANCARIA PER I CONTRIBUTI DELL'ENPAM

Graziella Reposi

QUOTA A

Scadenza per la domanda

I medici e gli odontoiatri che vogliono attivare l’addebito diretto sul proprio conto corrente per il pagamento dei contributi di Quota A per il 2019 hanno tempo fino al 15 marzo 2019 richiedendolo nell’area riservata del sito ENPAM compilando il modello on line.

Con la domiciliazione della Quota A scatta in automatico anche quella per i contributi di Quota B sul reddito libero professionale prodotto nel 2018, quando dovuti.

 

Per la Quota A è possibile pagare con le seguenti modalità:

  • in un’unica soluzione, con scadenza 30 aprile
  • in quattro rate con scadenza 30 aprile - 30 giugno - 30 settembre - 30 novembre.

Se non viene espressa una preferenza tra i piani di pagamento disponibili, il sistema sceglie automaticamente il numero di rate più alto.

Una volta attivato l’addebito diretto, i contributi dovuti saranno riscossi dall’ENPAM l’ultimo giorno utile, senza il rischio di incorrere in sanzioni per dimenticanze o disguidi.

Qualora il medico intendesse versare i contributi fino all’età di 70 anni potrà fare richiesta prima del compimento dei 68 anni. Qualora lo stesso all’ENPAM decidesse di interrompere i pagamenti, dovrà presentare apposta richiesta.

Tale domanda non esonererà dal pagamento del contributo dell’anno in corso, ma diventerà esecutiva dall’anno successivo.

 
QUOTA B

Con la domiciliazione bancaria sul proprio c/c della Quota B si può pagare con le seguenti modalità:

  • in unica soluzione, con scadenza 31 ottobre;
  • in due rate, con scadenza 31 ottobre e 31 dicembre;
  • in cinque rate, con scadenza 31 ottobre, 31 dicembre, 28 febbraio*, 30 aprile*, 30 giugno*.

* Le rate che scadono entro l’anno sono senza interessi mentre quelle che scadono l’anno successivo (indicate con l’asterisco) sono maggiorate del solo interesse legale, che attualmente corrisponde allo 0,8% annuo (D.M. 12/12/2018).

Se non viene espressa una preferenza tra i piani di pagamento disponibili, il sistema sceglie automaticamente il numero di rate più elevate, nel caso della Quota B cinque. È comunque possibile modificare la rateazione ricompilando il modulo dell’addebito diretto anche dopo la scadenza. Il nuovo piano scelto però si attiverà per l’anno successivo.

In prossimità della scadenza del pagamento, l’ENPAM invia per email il dettaglio dei contributi dovuti, insieme al piano di pagamento scelto al momento dell’attivazione dell’addebito diretto. La comunicazione riporta anche il reddito libero professionale dichiarato dal sanitario, sulla base del quale l’Ente ha calcolato l’ammontare dei contributi.

Scadenza per la domanda

La domiciliazione per i contributi dell’anno in corso va richiesta dall’area riservata del sito entro il 15 settembre. È possibile farlo anche dopo, ma in questo caso l’addebito si attiva per il versamento dell’anno successivo. Con la domiciliazione della Quota B scatta in automatico anche quella della Quota A.

Problemi con la Banca

Qualora la propria Banca non eseguisse il pagamento, per conoscerne la motivazione si deve contattare la Banca Popolare di Sondrio al numero verde 800-24-84-64. In ogni caso l’ENPAM invierà per posta il bollettino Mav precompilato per effettuare il versamento in unica soluzione.

Nel caso si cambiasse banca o fosse comunque modificato l’IBAN, è necessario comunicare le nuove coordinate bancarie all’ENPAM dalla propria area riservata con un apposito modello on line.

Se la notifica viene inviata entro il mese precedente alla scadenza della rata, l’addebito resta attivo. In caso contrario la domiciliazione bancaria viene sospesa e l’ENPAM invia il Mav precompilato per effettuare il versamento degli importi residui in unica soluzione.

Torna Indietro    Torna alla Home