03/2019 UN'INIZIATIVA DELL'ON.LE ROSSANA BOLDI IN TEMA DI PUBBLICITA' SANITARIA

Pier Angelo Arlandini
Presidente Commissione Odontoiatri Alessandria

Vorrei con questo articolo esprimere massima stima e riconoscenza da parte delle Commissioni Provinciali Odontoiatri e Medici Chirurghi, alla Dott.ssa Rossana Boldi, Vice Presidente delle Commissioni Affari Sociali della Camera Deputati , iscritta all’Albo Medici Chirurghi dal 1979 ed all’Albo Odontoiatri dal 2007, per aver  proposto un articolo aggiuntivo in materia di pubblicità sanitaria durante l’esame della legge di bilancio, che, approvato dal 01/01/2019, è diventato poi applicativo.

Per i Colleghi a cui fosse sfuggito riporto l’emendamento presentato dall’On. Rossana Boldi:

«1. Le comunicazioni informative da parte delle strutture sanitarie private di cura e degli iscritti agli albi degli Ordini delle professioni sanitarie di cui al capo II della legge 11 gennaio 2018, n. 3, in qualsiasi forma giuridica svolgano la loro attività, comprese le società di cui all’articolo 1, comma 153, legge 4 agosto 2017, n. 124, possono contenere unicamente le informazioni di cui all’articolo 2, comma 1, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, funzionali a garantire la sicurezza dei trattamenti sanitari escluso qualsiasi elemento di carattere promozionale o suggestivo, nel rispetto della libera e consapevole determinazione del paziente, a tutela della salute pubblica, della dignità della persona e del suo diritto a una corretta informazione sanitaria.

2. In caso di violazione delle disposizioni sulle comunicazioni informative sanitarie di cui al comma 1, gli Ordini professionali sanitari territoriali, anche su segnalazione delle rispettive Federazioni, PROCEDONO IN VIA DISCIPLINARE NEI CONFRONTI DEI PROFESSIONISTI O DELLE SOCIETÀ ISCRITTI E SEGNALANO TALI VIOLAZIONI ALL’AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI AI FINI DELL’EVENTUALE ADOZIONE DEI PROVVEDIMENTI SANZIONATORI DI COMPETENZA. TUTTE LE STRUTTURE SANITARIE PRIVATE DI CURA SONO TENUTE A DOTARSI DI UN DIRETTORE SANITARIO ISCRITTO ALL’ALBO DELL’ORDINE TERRITORIALE COMPETENTE PER IL LUOGO NEL QUALE HANNO LA LORO SEDE OPERATIVA ENTRO CENTOVENTI GIORNI DALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DELLA PRESENTE LEGGE. »

Questo decreto fa finalmente chiarezza in tema di pubblicità sanitaria che dovrà diventare "informazione sanitaria". Si eleva così il ruolo del medico, là dove è prevista la sua presenza sia come Direttore Sanitario sia come unico titolare dello studio, responsabile di una corretta informazione dovuta al paziente sulla diagnosi, terapia e costi.

Sottolineo che nel rapporto medico paziente i diritti di quest'ultimo vanno tutelati come prevedono la nostra Costituzione e il Codice Deontologico, senza condizionamenti da parte di eventuali proprietà terze.

Purtroppo, negli anni, una deviata interpretazione della legge Bersani, unitamente all'assenza di un vaglio preventivo e consuntivo ha portato ad una deriva con conseguenti storture riguardo la comunicazione - informazione ai pazienti. In molti casi si è assistito ad una pura mercificazione per una professione, quella dell’odontoiatra che non può sottostare a imposizioni puramente commerciali e di marketing.

L'augurio mio è che, se pur lentamente e senz'altro con molte difficoltà, si riesca ad arginare questo svilente fenomeno che ha portato amarezza a quei Colleghi che continuano a "farsi pubblicità" con etica, serietà e costante aggiornamento professionale.

Auspico anche che il lavoro svolto dalla Dott.ssa Boldi sia di stimolo alle Colleghe tutte affinché la loro presenza aumenti le quote rosa dell’Ordine ed anche nelle associazioni professionali che hanno bisogno di arricchirsi delle loro capacità, intuizioni e sensibilità.

Auguro buon lavoro e un futuro gratificante a tutti, Colleghe e Colleghi.

Pier Angelo Arlandini
Presidente Commissione Odontoiatri Alessandria

Torna Indietro    Torna alla Home