03/2019 LE NOVITA' DEL MOD. 730/2019

Graziella Reposi

Tante le novità inserite nel modello 730 anno 2019 di comunicazione dei redditi a partire dalla nuova scadenza 730 fissata al 23 luglio 2019 sia per chi accetta ed invia da solo la dichiarazione sia per chi usa il 730 ordinario e si rivolge ai Caf o ad altri intermediari; rimane invece al 7 luglio (8 luglio 2019 trattandosi di giorno festivo), la scadenza del 730 ordinario per i contribuenti che si avvalgono del sostituto d'imposta.

Tra le altre novità, ci sono le nuove spese mediche, veterinarie, scolastiche che l’Agenzia ha provveduto ad inserire nella nuova dichiarazione precompilata, le nuove detrazioni introdotte l’anno scorso ed i cui effetti decorrono dal 730/2019 come il bonus verde, la detrazione trasporti pubblici e per i disturbi dell’apprendimento.

 

LE NUOVE SCADENZE

Ecco un riepilogo sulla scadenza modello 730/2019:

  • A decorrere dal 15 aprlle 2019: l’Agenzia delle Entrate, rende disponibile per gli aventi diritto, il nuovo 730, precompilato online.
  • 8 luglio 2019: scadenza 730 ordinario per chi si avvale del proprio sostituto d’imposta;
  • 23 luglio: scadenza 730 precompilato e 730 ordinario per chi presenta il modello al CAF o intermediari.
  • 2 maggio: possibilità per i contribuenti che utilizzano il 730 precompilato, di poter modificare, integrare, accettare o trasmettere la dichiarazione precompilata.

Tra le novità 730 importanti, c'è anche quella relativa alla dichiarazione dei redditi integrativa a favore del contribuente.

Infatti, sulla base delle nuove regole contenute nell’articolo 5 del D.L. 193/2016, la scadenza per la dichiarazione integrativa a favore del contribuente diventa uguale a quella a favore del fisco, per cui ora è possibile trasmettere un 730 integrativo a favore entro il 31 dicembre del 5° anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione dei redditi tramite 730.

Chi deve fare il 730 anno 2019

I contribuenti che devono fare il Modello 730 anno 2019 ai fini di dichiarazione dei redditi sono:

  • Pensionati;
  • Lavoratori dipendenti;
  • Percettori di Cassa integrazione e Mobilità;
  • Soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;
  • Sacerdoti della Chiesa cattolica;
  • Giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive come consiglieri regionali, provinciali, comunali, ecc;
  • Persone che svolgono lavori socialmente utili;
  • Lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato;
  • Personale della scuola con contratto di lavoro a tempo determinato;
  • Lavoratori che posseggono soltanto redditi di collaborazione coordinata e continuativa;
  • Produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d'imposta Mod. 770, IRAP e IVA.
Torna Indietro    Torna alla Home