11/2019 PUBBLICAZIONE DEGLI INCARICHI VACANTI NEL SERVIZIO DI EMERGENZA SANITARIA (EST - 118) SECONDO SEMESTRE 2019

Con la Determinazione Dirigenziale n. 770 del 13.11.2019 della Regione Piemonte relativa alle domande per gli incarichi vacanti nel Servizio di Emergenza Sanitaria (EST - 118) - secondo semestre 2019, pubblicata sul B.U.R.P. n. 47 del 21.11.2019, sono riportati i soggetti che possono concorrere a diverso titolo, al conferimento degli incarichi vacanti, come previsto dall’art. 92 dell’ACN vigente:

a) per trasferimento: i medici titolari di incarico a tempo indeterminato per la emergenza sanitaria territoriale in un’Azienda della Regione che ha pubblicato gli incarichi vacanti o in un’Azienda di altra Regione, a condizione che risultino titolari rispettivamente da almeno un anno e da almeno due anni dell’incarico dal quale provengono. I trasferimenti sono possibili fino alla concorrenza di un terzo dei posti disponibili in ciascuna Azienda ed i quozienti frazionali ottenuti nel calcolo del terzo vengono approssimati alla unità più vicina. In caso di disponibilità di un solo posto per questo può essere esercitato il diritto di trasferimento. Il successivo comma 7 specifica che i medici già titolari d’incarico di emergenza sanitaria territoriale a tempo indeterminato possono concorrere all’assegnazione solo per trasferimento. Tali medici sono graduati in base all’anzianità di incarico a tempo indeterminato nel servizio in questione, detratti i periodi di eventuale sospensione dall’incarico di cui all’art. 18, comma 1, e in caso di pari posizione in graduatoria, gli stessi sono graduati nell’ordine della minore età, del voto di laurea e della anzianità di laurea come previsto dal comma 10;

b) per graduatoria: i medici inclusi nella graduatoria regionale valida per l’anno in corso e che siano in possesso dei requisiti necessari per le attività di emergenza sanitaria territoriale. Detti medici vengono graduati, ai sensi del comma 9, secondo il punteggio riportato nella graduatoria regionale di cui all’art. 15 dell’ACN. Per tale categoria è previsto il seguente ordine di priorità:

I) medici già incaricati a tempo indeterminato presso la stessa Azienda nel Servizio di Continuità assistenziale;

II) medici incaricati a tempo indeterminato di Continuità assistenziale nell’ambito della stessa Regione, con priorità per quelli residenti nell’ambito dell’Azienda da almeno un anno antecedente la data di pubblicazione dell’incarico vacante;

III) medici inseriti nella graduatoria regionale, con priorità per quelli residenti nell’ambito dell’Azienda da almeno un anno antecedente la data di pubblicazione dell’incarico vacante;

c) i medici che abbiano acquisito il titolo di formazione specifica in medicina generale successivamente alla data di scadenza della presentazione della domanda di inclusione in graduatoria regionale valida per l’anno in corso, autocertificandone il possesso all’atto della presentazione della domanda.

Ai sensi del comma 11, i suddetti medici sono graduati nell’ordine della minore età al conseguimento del diploma di laurea, del voto di laurea e dell’anzianità di laurea e, ai sensi del comma 13, concorrono successivamente ai trasferimenti (lettera a) ed ai medici inclusi nella graduatoria regionale valida per l’anno in corso (lettera b), con priorità di interpello per i residenti nel territorio aziendale, regionale e da ultimo fuori Regione.

Qualora, espletate tutte le procedure di assegnazione previste dall’art. 5 (assistenza primaria), art.6 (continuità assistenziale), art.7 (emergenza sanitaria territoriale), comprese le procedure di cui all’art.5, comma 17 (assistenza primaria) ed art.6, comma 15 (continuità assistenziale), uno o più ambiti territoriali di assistenza primaria od incarichi di continuità assistenziale ed emergenza sanitaria territoriale rimangano vacanti, la Regione o il soggetto da questa individuato, interpella i laureati in medicina e chirurgia abilitati all'esercizio professionale, iscritti al corso di formazione specifica in medicina generale della Regione presso la quale stanno frequentando il corso che, secondo quanto previsto al punto precedente, hanno presentato domanda;

  • i medici di cui al punto precedente sono interpellati nel seguente ordine:

       - medici frequentanti la terza annualità di frequenza del corso

       - medici frequentanti la seconda annualità di frequenza del corso

       - medici frequentanti la prima annualità di frequenza del corso

  • in attuazione degli art. 34, commi 9 e 12 (assistenza primaria), art. 64, commi 7 e 10 (continuità assistenziale), art. 92, commi 11 e 13 (emergenza sanitaria territoriale) dell’ACN 21.06.2018, a parità di annualità di frequenza in ciascuna categoria, i medici sono ordinati in base ai seguenti criteri:

       - minore età al conseguimento del diploma di laurea

       - voto di laurea

       - anzianità di laurea

con priorità di interpello per i medici residenti - alla data di pubblicazione delle carenze - nell'ambito carente per gli incarichi di assistenza primaria o nel territorio aziendale per gli incarichi di continuità assistenziale ed emergenza sanitaria territoriale.

Le domande devono essere presentate all’Azienda Sanitaria Regionale entro 20 giorni dalla data di pubblicazione.

 

icon Scarica l'elenco delle sedi

icon Scarica modalità conferimento incarico

icon Scarica la domanda per trasferimento

icon Scarica la domanda per graduatoria

icon Scarica la domanda per incarichi a tempo indeterminato

icon Scarica la domanda per medici frequentanti il corso di formazione in medicina generale

Torna Indietro    Torna alla Home