12/2019 CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ENPAM SUI COMPENSI DEI MEDICI CONVENZIONATI CON IL SSN

Graziella Reposi

E' SEMPRE POSSIBILE INCREMENTARE L'ALIQUOTA A CARICO DEL MEDICO

In base agli accordi per la  medicina generale, la continuità assistenziale, l’emergenza territoriale 118, la pediatria di base e la specialistica ambulatoriale, l’ASL provvede a versare sull’apposito Fondo dell’ENPAM intestato nominalmente al medico convenzionato i contributi previdenziali sui compensi erogati allo stesso dal SSN, di cui una parte a carico dell’Azienda ed una parte a carico del medico. 

Tale contribuzione è finalizzata al conseguimento di una pensione ENPAM a favore del medico convenzionato all’atto del pensionamento di vecchiaia (68 o 70 anni) oppure di anzianità in presenza di determinati requisiti in base agli incrementi tabellari legati all'età.

 

Dal 29.07.2009 infatti gli Accordi nazionali dei medici convenzionati per la parte inerente la contribuzione previdenziale prevedono che, ferma restando la quota di contributo a carico dell’ASL, i medici convenzionati possono optare, a decorrere dal 1° gennaio 2009 e negli anni seguenti, per l’incremento della parte di aliquota contributiva a proprio carico di un punto intero percentuale fino ad un massimo di cinque punti.



SCADENZA PER LA SCELTA RELATIVA ALL'AUMENTO DELL'ALIQUOTA

Tale scelta si può esercitare una volta all’anno entro il 31  gennaio  presentando domanda all’ASL competente su un apposito modello a disposizione presso la sede o sul sito dell'Ordine.

E' consigliabile inviare copia di tale modulo all'ENPAM - fax 06 48294709 oppure per posta all'indirizzo ENPAM: Servizio Contributi Fondi Speciali Piazza Vittorio Emanuele II , 78 - 00185 ROMA - allegando copia della ricevuta della raccomandata all'ASL oppure, se consegnato a mano, indicando il numero di protocollo di registrazione.
La domanda di adesione all'aliquota modulare va presentata a tutte le ASL presso le quali si lavora.

 

REVOCA DELLA SCELTA


E' possibile revocare tale scelta sempre entro il 31 gennaio di ogni anno. La revoca effettuata dopo tale data avrà effetto per l'anno seguente.
In assenza di comunicazione di variazione della predetta opzione da parte del medico interessato da effettuarsi entro la stessa scadenza, l'aliquota maggiorata a carico del medico resta confermata negli anni successivi.

Riporto di seguito le aliquote contributive base:

Medici di Medicina Generale, Medici di Continuità Assistenziale,
Medici dell’Emergenza  Territoriale 118

Aliquota contributiva dal
01.01.2020 (*)

A carico dell’ASL

A carico del medico

Incremento facoltativo a carico del medico (scadenza domanda 31 gennaio di ogni anno).

22%, di cui

10,375%

11,625%

+ 1% fino ad un massimo di + 5%.

(*) Dal 2016 è stato effettuato un aumento graduale dell'1% fino ad un massimo del 26% nel 2024

Medici Pediatri di libera scelta

Aliquota contributiva dal
01.01.2020 (**)

A carico dell’ASL

A carico del medico

Incremento facoltativo a carico del medico (scadenza domanda 31 gennaio di ogni anno).

21%, di cui

9,375%

11,625%

+ 1% fino ad un massimo di + 5%.

(**) Dal 2016 è stato effettuato un aumento graduale dell'1% all'anno fino ad un massimo del 26% nel 2025.

Specialisti ambulatoriali

Aliquota contributiva dal 
01.01.2020 (***)

A carico dell’ASL

A carico del medico

Incremento facoltativo a carico del medico (scadenza domanda 31 gennaio di ogni anno).

30%, di cui

14,19%

15,81%

+ 1% fino ad un massimo di + 5%.

(***) Dal 2016 è stato effettuato un aumento graduale dell'1% all'anno fino ad un massimo del 32,65% nel 2026.

I contributi versati al proprio Ente previdenziale sono al momento integralmente deducibili dal reddito personale soggetto a tassazione, con indubbi vantaggi fiscali.


icon Scarica il modulo opzione aliquota contributiva modulare

Torna Indietro    Torna alla Home